Pane integrale con lievito naturale li.co.li.

Cucinato da Barbara
Trovo questo pane ideale per la prima colazione, il perfetto accompagnamento della composta Frutti di bosco Germinal Bio!




































La prima cosa che ho fatto è stato realizzare il preimpasto, partendo da 10g di li.co.li. rinfrescato per tre volte a distanza di 12 ore da ogni rinfresco:

Ingredienti preimpasto
                        Licoli g           Acqua g       Farina g          Totale g              % idratazione 
1° rinfresco        10                    10                    10                   30                            100
2° rinfresco        30                    30                    30                   90                            100
3° rinfresco        90                    90                    90                 270                            100

Una volta ottenuto il preimpasto, sono partita con gli ingredienti dell'ìmpasto vero e proprio, utilizzando 500g farina integrale, 350g di acqua (di cui 80 da utilizzare per sciogliere il Li.co.li.), 200g  del Li.coli. rinfrescato come sopra, 15g sale, 1 cucchiaino di malto d'orzo, 2 cucchiai di crusca di Avena Germinal Bio.

Ho preso il preimpasto, ormai si spera bello arzillo, e l'ho sciolto nell'acqua appositamente riservata  (80g) insieme al malto; separatamente ho mescolato la farina integrale con la crusca di avena ed il resto dell'acqua (270g)  utilizzando la foglia dell'impastatrice. Dopo dieci minuti ho mescolato i due composti, aggiunto il sale e lavorato ancora per alcuni minuti.

Ho poi cambiato la foglia dell'impastatrice, sostituendola con il gancio ed ho lavorato per qualche minuto. Ho lasciato riposare l'impasto nella ciotola per una decina di minuti e poi ho eseguito le pieghe, come insegnato da Adriano, avendo cura di infarinare abbondantemente la spianatoia, sulla quale l'ho poi lasciato riposare, coperto con una ciotola rovesciata per un'ora e, di nuovo, ho fatto un giro di pieghe.

Ho ripreso l'impasto e l'ho lasciato, sempre coperto, a temperatura ambiente, per far continuare la lievitazione, fino al raddoppio.

A questo punto ho dato al pane la forma finale e l'ho lasciato riposare altri trenta minuti. Nel frattempo ho acceso il forno, portandolo a 240° di temperatura; ho fatto la classica croce al pane, l'ho spolverato con un po' di farina e l'ho messo su una teglia coperta con carta forno, a cuocere per 25'. Ho quindi abbassato la temperatura a 200°C per altri 20' ed ho quindi tolto la carta forno e fatto terminare di cuocere il pane sulla griglia per gli ultimi 10': in totale il pane ha cotto per 55 minuti.

Mi raccomando, fate raffreddare bene il pane prima di tagliarlo!!

Charlotte alla frutta or Fruit Charlotte

Cucinato da Barbara
Per charlotte si intende una torta rivestita esternamente da savoiardi o pan di spagna e con un ripieno a base di frutta, crema, bavarese, ecc. Ideata attorno al 1800 dal cuoco francese Antonin Carême , durante il suo periodo di servizio presso la corte dello Zar, questa volta, al posto dei savoiardi, ho utilizzato del bisquit arrotolato ed affettato, ripieno di una bavarese di vaniglia arricchita di lamponi, da servire con una salsa alla frutta, così come ho imparato a fare in un corso della scuola di cucina.
A charlotte is a cake whose exterior is made of sponge cake or lady fingers, with a filling of fruit, cream, Bavarian cream, etc. It was created around 1800 by French chef Antonin Carême, during his period of service at the court of the Czar. This time, instead of lady fingers I chose to use a cake roll, then I filled the charlotte with a vanilla Bavarian cream enhanced with raspberries, to be served with a fruit sauce, just as I learned in a cooking course.



Per realizzarla vi occorrerà:
Per la pasta biscotto classica per rollate
4 uova medie, 125g zucchero, un pizzico di sale, 100g farina, 25g fecola
Per la bavarese
125g di latte intero, ½ bacca di vaniglia, 25g zucchero, 2 tuorli, 5g colla pesce, 120g cioccolato bianco, 300g panna, 1 cestino lamponi
Per la salsa
500g di frutti di bosco, 100g zucchero, 10g maizena, 70g acqua, succo ½ limone, liquore Cointreau
inoltre
100g di marmellata di ribes e 100g marmellata di lamponi setacciate, 4g di colla di pesce

Pasta biscotto
Mescolare e setacciare le farine con un pizzico di sale, montare i tuorli con 50g di zucchero e gli albumi con i restanti 75g. Incorporare delicatamente le farine setacciate agli albumi, unire i tuorli montati ed alleggerire con parte della farina. Terminare unendo il resto della farina. Livellare il composto su una tortiera imburrata e infarinata o ricoperta di carta forno e cuocere a 200° per circa 8 minuti. Sformare il composto capovolgendolo su uno strofinaccio e farlo raffreddare coperto con la placca calda. Dopo cinque minuti arrotolarlo nel canovaccio. Tagliarlo a metà nel senso della larghezza e pareggiare i bordi. Ammollare in acqua fredda la colla di pesce in due distinte ciotoline. Riscaldare 2 cucchiai di cointreau e sciogliervi in ognuno 2g di colla di pesce ammollata e strizzata, unirle quindi alle diverse marmellate e stenderle sulla pasta biscotto, precedentemente appoggiata su una pellicola per alimenti. Arrotolare strettamente e chiudere alle estremità riponendo in frigorifero per almeno sei ore.

Bavarese
Battere le uova con lo zucchero, unire il latte precedentemente aromatizzato con i semi di vaniglia e versarlo sui tuorli; porre il tutto in una ciotola e cuocere a bagnomaria; aggiungere quindi i 5g di colla di pesce precedentemente ammollata e strizzata, infine il cioccolato tritato. Togliere dal bagnomaria e far intiepidire, quindi aggiungere la panna semi montata. Unire infine i lamponi. Foderare di pellicola uno stampo a cupola, affettare i rotoli di biscotto a ½ cm e disporli nello stampo, alternando i colori; versare la bavarese, coprire e porre in frigo per almeno 3-4 ore.

Salsa
Setacciare la frutta; con l’acqua e lo zucchero fare uno sciroppo facendolo bollire leggermente per 5’; aggiungere quindi la frutta setacciata, il succo di ½ limone, la maizena precedentemente diluita in poca acqua fredda e far addensare il tutto. Sfoderare la charlotte su un piatto di portata e salsare il bordo con la salsa fredda prima di servire.


Fruit Charlotte
For the cake roll: 4 medium eggs, 125 gr. [2/3 cup] sugar, a pinch of salt, 100 gr. [3/4 cup] flour, 25 gr. [1/4 cup] potato starch
For the Bavarian cream: 125 gr. [1/2 cup] whole milk, 1/2 vanilla stick, 25 gr. [2 tbsp.] sugar, 2 egg yolks, 5 gr. gelatin leaves, 120 gr. [4 oz.] white chocolate, 300 gr. [1 1/4 cup] heavy cream, 1 basket of raspberries 
For the fruit sauce: 500 gr. [1 lb.] wild berries, 100 gr. [1/2 cup] sugar, 10 gr. [2 tbsp.] corn starch, 70 gr. [1/3 cup] water, the juice of 1/2 lemon
This recipe also requires:  100 gr. [3.5 oz.] red currant jam, 100 gr. [3.5 oz.] raspberry jam, filtered, 4 gr. gelatin leaves, Cointreau liquor

Preparation
Cake roll: Combine the flour and the potato starch with a pinch of salt and sift them together.Beat the egg yolks with 50 gr. [1/4 cup] sugar and the egg whites with the remaining sugar. Delicately incorporate some of the sifted dry ingredients to the beaten egg whites then add the beaten egg yolks to lighten the batter. Add the rest of the dry ingredients. Place the batter in a rectangular baking sheet, buttered and floured or lined with wax paper and bake at 200°C [390°F] for approximately 8 minutes. Remove the cake from the pan, place it on a kitchen towel and let the cake cool covered with the hot baking sheet. After 5 minutes, roll up the cake in the kitchen towel. Cut the cake in half and even out the edges. Soak the gelatin leaves in cold water in two separate bowls. Heat two tablespoons of Cointreau and in each dissolve 2 grams of the soaked gelatin leaves, with the excess water removed. Add the two types of jam to each bowl as well, then spread the two mixtures onto the two parts of the cake placed on a sheet of plastic wrap. Roll up the two cakes tightly, seal the ends closed and refrigerate for at least six hours.

Bavarian cream: Beat the eggs with the sugar, add the milk with the beans of the vanilla stick and pour it on the egg yolks. Place the mixture in a bowl and cook over a bain-marie. Add the 5 grams of gelatin leaves, previously soaked and with the excess water removed. Add the chopped chocolate. Remove the bowl from the double boiler and let it cool slightly, then add the heavy cream whipped halfway. Add the raspberries. Line a dome shaped mold with plastic wrap, slice the cake rolls to 1/2 cm. [1/4 inch] in thickness and place them in the mold, alternating the two colors. Pour the Bavarian cream, cover and refrigerate it for at least 3 to 4 hours.

Sauce preparation: Put the fruit through a sieve. Prepare a syrup by simmering the water and the sugar for 5 minutes. Add the fruit, the juice of 1/2 lemon, the corn starch previously diluted with some cold water and thicken the sauce. Place the charlotte on a serving platter and add the cold sauce on the edges before serving.

L'insalata di rinforzo

Cucinato da Barbara
L'insalata di rinforzo è un contorno tipico della tradizione campana natalizia, che, secondo il sito Porta Napoli, deve il suo nome al fatto che l'insalata, man mano che si consuma, va rinforzata aggiungendo nuovi ingredienti. Qualcuno ha anche attribuito il termine "rinforzo" all'impiego dell'aceto ed al sale delle acciughe e dei capperi che rafforzerebbero il sapore del cavolfiore, mentre secondo il maritozzo, l'insalata è un "rinforzo" dell'appetito in quanto per la presenza dell'aceto lo stimolerebbe tra una portata e l'altra o comunque faciliterebbe la digestione. Qualunque sia il significato del nome, è un'insalata che non manca mai sulla tavola della nostra Vigilia!


Realizzarla è davvero semplice: basta lessare delle cimette di cavolfiore in acqua bollente salata, condirle con filetti di pepaccelle (peperone di colore rosso, giallo o verde, di forma piccola, corto e tondeggiante, molto polposo, conservato sotto aceto) con alici sott'olio (io ho utilizzato i filetti di alici in salsa piccante Rizzoli Emanuelli), capperi dissalati, olive nere di Gaeta, olive verdi, sale, olio extravergine d'oliva ed un buon aceto di vino! Auguri!

Mini savarin con cipolla

Cucinato da Barbara
Se avete provato la ricetta della ciambella dolce con lo yogurt, sappiate che questi sono il suo equivalente.. salato!

Savarin con cipolla
Partendo sempre da un vasetto di yogurt intero naturale da 125, a questo andranno aggiunte 3 uova, tre vasetti di farina, 1 vasetto di olio extravergine d'oliva, 3 cipolle rosse tritate ed appassite in padella con poco olio, 3 cucchiai di formaggio grattugiato, 1 bustina di lievito per torte salate, sale e pepe, panna acida per la farcitura.

Realizzare questa ricette è davvero semplice: montate con una frusta elettrica (io ho utilizzato il frullatore ad immersione frullatore 3 in 1 Desire della Russell Hobbs) in una terrina le uova con lo yogurt, unite la farina precedentemente setacciata con il lievito ed il sale, il formaggio grattugiato, l'olio a fine e completate unendo le cipolle stufate.
Versate il tutto negli stampini in silicone e cuocete in forno caldo a 180°C per 15' o poco più (dipende dalla grandezza dello stampino).
Una volta freddi decorate con un ciuffo di panna acida.

Ciambella allo yogurt

Cucinato da Barbara
E' una ricetta che Luisa ha avuto in dono, insieme ad altre, dal suo fornaio, pubblicata inizialmente sul forum di Amiciincucina, ottima per la prima colazione! Provatela perché è davvero ottima!


Unità di misura: il bicchierino dello yogurt da 125g tanto che questa ricetta è anche chiamata ciambellone sette vasetti

C'è bisogno di 3 uova, 3 bicchierini di farina, 1 bicchierino di yogurt intero naturale, 7 cucchiaiate di zucchero, 1/2 bicchierino di olio di semi, 1 bustina di lievito in polvere.

Mescolare gli ingredienti, metterli in una teglia unta e infarinata (la mia era in silicone e non serviva ne farina ne burro) e cuocere in forno a 180° per 35-40' (un tempo maggiore se lo stampo che utilizzerete non fosse in silicone)

Pane semi integrale con lievito naturale li.co.li.

Cucinato da Barbara
Non so se posso dire che questo meraviglioso pane è davvero... farina del mio sacco!!
Le dosi ed il procedimento della ricetta sono copiate pari pari dal blog di Nicoletta, le pieghe sono quelle spiegate dettagliatamente nel blog di Adriano ed il Li.co.li. (acronimo inventato da Anna di lievito naturale in coltura liquida) mi è stato regalato da Alessandra in occasione di uno dei suoi entusiasmanti corsi, io.. ehm... posso assicurarvi che è buonissimo!!!


La prima cosa che ho fatto è stato realizzare il preimpasto, partendo da 10g di li.co.li. rinfrescato per tre volte a distanza di 12 ore da ogni rinfresco:

Ingredienti preimpasto
                        Licoli g           Acqua g       Farina g          Totale g              % idratazione 
1° rinfresco        10                    10                    10                   30                            100
2° rinfresco        30                    30                    30                   90                            100
3° rinfresco        40                    40                    40                 120                            100

Una volta ottenuto il preimpasto, sono partita con gli ingredienti dell'impasto vero e proprio, utilizzando 320g farina tipo 2 macinata a pietra, 80g semola, 100g farina tipo 0 forte, 350g di acqua (Nicoletta nella sua ricetta ne utilizza 390), 100g del preimpasto o del Li.coli. rinfrescato come sopra, 15g sale, 1 cucchiaino di malto d'orzo

Ho preso il preimpasto, ormai si spera bello arzillo, e l'ho sciolto nell'acqua dell'impasto vero e proprio (350g) utilizzando possibilmente la foglia dell'impastatrice. Ho aggiunto poi il malto ed il resto delle farine, setacciate con il sale, lavorando ancora per alcuni minuti.

Ho poi cambiato la foglia dell'impastatrice, sostituendola con il gancio ed ho lavorato, incordando, per qualche minuto. Ho lasciato riposare l'impasto nella ciotola per una decina di minuti e poi ho eseguito le pieghe, come insegnato da Adriano, avendo cura di infarinare abbondantemente la spianatoia, sulla quale l'ho poi lasciato riposare, coperto con una ciotola rovesciata per un'ora e, di nuovo, ho fatto un giro di pieghe.

Ho quindi trasferito l'impasto in una ciotola leggermente oleata, l'ho coperto con una pellicola non a contatto, e l'ho lasciato riposare in frigorifero per 8-10 ore. Ho ripreso l'impasto e l'ho lasciato, sempre coperto, a temperatura ambiente, per far continuare la lievitazione, fino al raddoppio.

A questo punto ho dato al pane (finalmente!!!!) la forma finale e l'ho lasciato riposare altri trenta minuti. Nel frattempo ho acceso il forno, portandolo a 230° di temperatura; ho fatto la classica croce al pane e l'ho messo su una teglia coperta con carta forno, a cuocere per 25'. Ho quindi abbassato la temperatura a 200°C per altri 20' ed ho quindi tolto la carta forno e fatto terminare di cuocere il pane sulla griglia per gli ultimi 10': in totale il pane ha cotto per 55 minuti.

Mi raccomando, fate raffreddare bene il pane prima di tagliarlo!!

La crema pasticcera

Cucinato da Barbara
La ricetta della crema pasticcera di Luca Montersino è quella in assoluto che mi ha dato più soddisfazioni: veloce, favolosamente setosa e straordinariamente buona, che si può volere di più dalla vita? :)


Per realizzare la crema pasticcera con la ricetta di Luca Montersino vi occorreranno: 800g di latte intero, 200g di panna fresca, 300g di tuorli, 300g di zucchero, 35g di amido di mais, 35g di amido di riso e 1 bacca di vaniglia bourbon, che io ho sostituito con la parte gialla della buccia di un limone.
Montate i tuorli con lo zucchero (io ho utilizzato il frullatore ad immersione frullatore 3 in 1 Desire della Russell Hobbs) fino a che saranno ben spumosi; aggiungete le farine setacciate, continuando a montare, anche se a velocità ridotta.
Nel frattempo portare a bollore il latte con la panna e versate i tuorli montati: a questo punto aspettate, come consigliato da Luca, che si formino dei piccoli "crateri", causati dal latte che avrà ripreso l'ebollizione e togliete la crema dal fuoco.
Eliminate la buccia del limone e ponete la crema pasticcera a far raffreddare in una teglia, a contatto con pellicola.

Zuppa toscana con farro or Tuscan Spelt Soup

Cucinato da Barbara
Una zuppa veloce (non necessita alcun ammollo per i legumi presenti), colorata e calda calda, perfetta per questa stagione, che aspettate a prepararla?
A quick soup (you don't have to soak the legumes) that is hot and colorful - perfect for this time of year. What are you waiting for?


Gli ingredienti necessari per quattro persone sono 250g tra piselli spezzati, orzo perlato, lenticchie verdi, fagioli all'occhio, soia verde, fave spezzate, farro perlato e lenticchie rosse decorticate (tutte contenute nella Zuppa toscana con farro Nuova Terra), olio extravergine d'oliva, 1,6 litri di brodo vegetale, peperoncino secco e prezzemolo fresco.
Lavate gli ingredienti contenuti nella Zuppa toscana con farro Nuova Terra, mettetela in una pentola con 3 cucchiai d'olio extravegine d'oliva, 1 spicchio d'aglio e fate insaporire; unite quindi il brodo e fate cuocere per circa 40' a fuoco moderato.
Servite spolverando la zuppa con il prezzemolo ed il peperoncino tritati ed un filo d'olio extravergine d'oliva a crudo!

Tuscan Spelt Soup

Yield: 4 servings

Ingredients: Contained in the Tuscan Spelt Soup mix by Nuova Terra (250 gr (2 cups) mixed peas Pearl barley Green lentils Black-eyed peas Green soybeans Fava beans Pearled spelt Split red lentils); add: Extra-virgin olive oil, 1.6 liters (54 fluid ounces) vegetable broth, Dried chilis, Fresh parsley

Preparation: Wash the ingredients in the Nuova Terra mix. Add 3 tbsps extra virgin olive oil to a pan; add a clove of garlic and the Nuova Terra Mix. Simmer to allow the flavors to infuse, then add the broth and cook for 40 minutes on a low heat. Add chopped parsley; sprinkle chili on the top, drizzle with a little olive oil and serve.

Ciambelline al caffè Èspresso or Èspresso-Flavored Donuts

Cucinato da Barbara
Dolci e profumate, queste deliziose ciambelline al caffè Èspresso sono perfette per la colazione o la merenda!
Sweet and flavorsome, these delicious donuts with espresso coffee are perfect for breakfast or as a snack!


Per realizzare 18 di queste splendide ciambelline vi occorreranno quindi 165g di farina, 165g di zucchero, 2 uova, 85g di olio di semi, 40g di panna fresca e 45g di caffè Èspresso, 1/2 bustina di lievito per dolci, zucchero a velo per decorare.
Montate le uova e lo zucchero con una frusta elettrica (io ho utilizzato il frullatore ad immersione frullatore 3 in 1 Desire della Russell Hobbs), aggiungete la panna, il caffè e l'olio e poi la farina setacciata con il lievito ed un pizzico di sale.Mettete l'impasto in uno stampo per savarin in silicone e cuocete in forno preriscaldato a 160°C per circa 20'. Pronte da gustare!

Espresso-Flavored Donuts
To make 18 of these amazing donuts you will need: 165 g (about 1.3 cup) of flour, 165 g (about 2 thirds of a cup) of sugar, 2 eggs, 85 g (1 quarter of a cup) of seed oil, 40 g (3 tablespoons) of fresh cream, 45 g (3 tablespoons) of espresso, 1/2 sachet of baking powder, icing sugar to decorate
Preparation
Whip the eggs and sugar with an electric mixer; add the fresh cream, espresso and oil and then the flour sifted with baking powder and a pinch of salt.
Put the dough into a silicone Savarin mold and bake in a preheated oven at 160°C (355°F) for 20 minutes. It's ready to eat!

Zuppa d'orzo or Barley soup

Cucinato da Barbara
Adoro l'autunno perché  è il periodo migliore per gustare delle calde e saporite zuppe, come questa deliziosa zuppa d'orzo!
I love fall because it's the best time of year to have hot, tasty soups... like this delicious barley soup!


Gli ingredienti necessari per quattro persone sono 250g tra orzo perlato, soia verde, lenticchie verdi e lenticchie rosse decorticate (tutte contenute nella Zuppa d'orzo Nuova Terra), olio extravergine d'oliva, 1,6 litri di brodo vegetale, erba cipollina.
Lavate gli ingredienti contenuti nella Zuppa d'orzo Nuova Terra, metttela in una pentola con 3 cucchiai d'olio extravergine d'oliva, 1 spicchio d'aglio e fate insaporire; unite quindi il brodo e lasciate cuocere per circa 40' a fuoco moderato.
Servite spolverando la zuppa con l'erba cipollina tritata ed un filo d'olio extravergine d'oliva a crudo!
Ingredients: contained in the Barley Soup mix by Nuova Terra: 250 gr (2 cups) pearl barley Green soy Green lentils Split red lentils; add: Extra virgin olive oil, 1.6 liters (54 fluid ounces) vegetable broth, Chives
Preparation: wash the ingredients in the Nuova Terra mix. Add 3 tbsps of extra virgin olive oil to a pan and add a clove of garlic and the Nuova Terra ingredients. Simmer to allow the flavors to infuse, then add the broth and cook on moderate heat for about 40 minutes. Add chopped chives and a drizzle of extra virgin olive oil and serve.

Minestra di pasta e zucca Royal Cooking or Pumpkin and Pasta Soup

Cucinato da Barbara
Un piatto con i colori dell'autunno, decisamente saporito e velocissimo da preparare!

Per realizzarlo vi occorrerà un chilo di zucca pulita e tagliata in dadolata, 200g di pasta mista, 1 spicchio d'aglio, 800ml di brodo vegetale, sale, prezzemolo, peperoncino e olio extravergine d'oliva.

This is a dish with all the colors of fall, a strong flavor and a really quick preparation!
1 kilo (35 ounces) of pumpkin, washed and diced, 200 gr. (7 ounces) of mixed pasta shapes, 1 clove of garlic, 800 ml (27 fluid ounces) of vegetable stock, salt, parsley, paprika, extra virgin olive oil

In un tegame far appassire lo spicchio d'aglio nell'olio. Aggiungere la dadolata di zucca, fate cuocere per dieci minuti a fuoco basso scoperto, poi aggiungete la pasta, il brodo vegetale ed il sale. Mescolare, coprire con il coperchio Royal Cooking e far cuocere, senza mai girare, a fiamma bassa.
Portate a cottura la pasta poi, scoperchiate, se lo gradite mantecate a fuoco spento con un po' di parmigiano, spolverate con prezzemolo tritato e peperoncino e servite!

Preparation: In a pan, fry the garlic in the oil. Add the diced pumpkin and cook uncovered for 10 minutes on low heat, then add the pasta, the stock and the salt. Stir, cover and simmer, without stirring, on a low heat. Once the pasta is cooked, remove the lid and if desired remove from the heat and season with a little Parmesan. Sprinkle with the parsley and paprika, then serve!

Certamente non è il post giusto per fare degli auguri di blogcompleanno, ma sono sicura che Stefania non se ne avrà a male se le faccio qui tanti tanti tanti tantissimi auguri per il quarto blog compleanno de' Arabafelice in cucina! e colgo l'occasione per partecipare al suo bel giveaway!

Madeleines salate allo Sbrinz or Salted madeleines with Sbrinz

Cucinato da Barbara
Se avete già provato la versione ai pomodori secchi e feta è ora di sperimentare questi nuovi deliziosi piccoli aperitivi, perfetti con un frizzante prosecco! Sono gustosi finger, ma anche ottimi come street food, vista la loro praticità nell'essere mangiati anche camminando!

If you have already tried the version with dried tomatoes and feta cheese, now is the time to experience these new delicious little appetizers, perfect with a sparkling Prosecco! This is tasty finger food, but also excellent as street food because it can be eaten even while walking! 


Per realizzare le madeleines allo Sbrinz vi occorreranno: 2 uova, 80g farina, 8g lievito per torte salate a lievitazione istantanea, 40g burro, 20g di Sbrinz grattugiato, 50g di Sbrinz tagliato in piccola dadolata, sale e pepe
Aprire le uova e separare i tuorli dagli albumi. Setacciare la farina con il lievito, aggiungere i tuorli, lo Sbrinz grattugiato, sale e pepe e frullare. A parte, mescolare con una forchetta gli albumi senza montarli e aggiungerli all'impasto precedente. Versare nell'impasto il burro fuso e freddo e mescolare energicamente. Aggiungere lo Sbrinz in dadolata. Versare un cucchiaio di impasto in ciascun alveolo di stampo per madeleines in silicone e mettere in forno a 240° per 4', poi abbassare a 180° per 6'. Verificare la cottura e sfornare ancora calde.
Madeleines with Sbrinz 
Ingredients: 2 eggs, 80 gr (3 oz) flour, 8 gr (1.6 tsp) baking powder for salty pies, 40 gr (1/3 stick) butter, 20 g (1.5 tbs) of grated AOC Sbrinz, 50 gr (1.8 oz) AOC Sbrinz cut into small cubes, salt and pepper
Preparation: Crack the eggs and separate the yolks from the whites. Sift the flour with the baking powder; add the egg yolks, grated Sbrinz, salt and pepper and mix them all together. Separately, mix the egg whites with a fork and add to the previous mix. Pour the melted and cold butter in the dough and stir vigorously. Add the Sbrinz cubes. Pour a tablespoon of mixture into each pocket of a  madeleines mold and bake at 240°C (465°F) for 4 minutes, then lower to 180°C (355°F) for 6 minutes. Check that they are completely baked and take them out of the oven while still hot.

Cena al Ristorante Al Casale

Cucinato da Barbara
Quando abbiamo visto su Groupon un deal per il Ristorante Al Casale ad Ariccia, non ce lo siamo fatti scappare, era un'occasione imperdibile!


Siamo stati a cena nel ristorante e, purtroppo, questo ci ha impedito di godere dell'ampia terrazza con vista panoramica affacciata sul verde dei Castelli Romani, ma il servizio impeccabile, lo stile e la semplicità di una vecchia villa di campagna, oltre agli squisiti piatti gustati e al comodo e grande parcheggio, ci hanno ampiamente ricompensato.



Come da coupon, dopo essere stati accolti nel locale da una gentilissima cameriera che ci ha accompagnato al tavolo preventivamente prenotato grazie a Mytable, ci hanno servito uno spettacolare prosecco di benvenuto.





A seguire ci è stato servito un delizioso antipasto misto per 2 persone che comprendeva parmigiana di melanzane, ricottina fresca, tranci di mortadella tagliata spessa, salame, tortino con verdure, uovo fritto con peperoni cruschi, bruschettine, degnamente innaffiato con una bottiglia di rosso IGT Cantine Silvestri e da una bottiglia d'acqua minerale.


Di primo abbiamo scelto pappardelle fatte in casa con ragù di cinghiale e lasagnetta bianca con provola zucchine e speck, entrambi veramente spettacolari!
















Mentre per secondo entrambi abbiamo gradito una squisita tagliata alla griglia servita con bucce di patate fritte, accompagnata da un contorno di verdure miste ed insalata.





La serata si è degnamente conclusa con uno squisito semifreddo all'amaretto ed un caffè!



Se pensate che per questa deliziosa cena abbiamo pagato solo 34 euro, non possiamo che ringraziare sia Groupon che il ristorante Al Casale, che torneremo sicuramente a trovare!


When we saw a Groupon Coupon deal for the restaurant Al Casale in Ariccia, we didn't let it go, it was an unmissable opportunity!
We had dinner inside the restaurant and, unfortunately, we couldn't benefit from the wide terrace with a panoramic view over the Castelli Romani; the extraordinary service, the style and the simplicity of an old rural mansion, as well as the delicious dishes and the wide parking lot, made us happy.
As per the coupon rules, after we were welcomed by a polite waitress, who accompanied us to the table, reserved through Mytable, they served a wonderful Prosecco to welcome us.
To follow came a delicious antipasto for 2 people, made up of eggplant, ricotta, thick-cut mortadella, salami, vegetable pie, fried egg with pepperoni, bruschetta, the whole accompanied by a red IGT wine from Cantine Silvestri and a bottle of mineral water.
As a first course, we chose home made pappardelle, a wide strip of pasta, with boar ragù and white lasagna with provola (a type of cheese), zucchini and speck; both were spectacular!
As main course, we chose a delicious grilled steak with fried potato wedges, with a side dish of mixed vegetables and lettuce.
We finished our dinner with an excellent semifreddo all'amaretto and a coffee!
We paid only €34  for this delicious dinner; we definitively thank both Groupon and Al Casale; we will certainly come back!

Al Casale 
Address: Via Pagliarozza 5 / 7, 00040 Ariccia, Italy 
Tel: +39 06 9349 3038 
Website: http://www.alcasaleristorante.it/ (in Italian)

Sticks allo Sbrinz

Cucinato da Barbara
Deliziosi bastoncini salati, perfetti per un aperitivo, una merenda veloce e ottimi come street food, vista la loro praticità nell'essere mangiati anche camminando!


Per realizzare 60 sticks allo Sbrinz vi occorreranno: 40g di yogurt intero, 40g di olio d'oliva, 5g di zucchero, 1 uovo medio, 65g di farina, 30g di Sbrinz AOC grattugiato, 5g di lievito per torte salate, un pizzico di sale.

Mescolare gli ingredienti in una ciotola fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Versare l'impasto nel Decopen e riempire lo stampo Sticks fino alla linea indicata.
Cuocere al microonde a potenza media per 5' oppure in forno a 200°C per 18 minuti.
Sformare quando sono ancora caldi.
Una volta raffreddati i bastoncini, resteranno croccanti!

Biscotti trifogli al cioccolato or Three Leaf Chocolate Cookies

Cucinato da Barbara
A me sono venuti un pochino... stortignaccoli, ma vi assicuro che erano comunque buonissimi!
When I made them, the biscuits ended up looking a little bit... clumsy. But I assure you, they were absolutely delicious!
Per realizzarli vi occorrono 100g di burro, 100g di zucchero a velo, 100g di farina, gli albumi di tre uova (corrispondenti a 100g di albume) e delle pastiglie di cioccolata di vostro gradimento. 
Mescolare il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema (potete utilizzare le fruste elettriche, ma a bassa velocità, facendo attenzione a non far montare il composto).
Aggiungere una parte di albumi e  una parte di farina e amalgamare il tutto:  continuare fino a terminare gli ingredienti aggiungendo sempre insieme un po’ di albumi e un po’ di farina. Alla fine otterrete un composto cremoso.
Imburrare e infarinare una placca da forno.
Servendovi di una tasca con beccuccio rigato fare piccoli biscottini ponendoli ravvicinati a gruppi di tre, a formare dei trifogli, mettendo al centro di ognuno una pasticca di cioccolato.
Lasciar riposare in frigo la teglia per un'ora circa e poi cuocere a 180°C sino a vedere una leggera colorazione (occorreranno circa 10-12 minuti). Quando si sono raffreddati toglierli dalla teglia e... gustarli!

Three Leaf Chocolate Cookies
Ingredients:100 gr. (1 stick) of butter,100 gr. (7/8 cup) of caster sugar,100 gr. (7/8 cup) of flour, the yolks of 3 eggs, individual chocolates of your choice
Preparation: Mix the butter with the sugar until you get a cream (you can use an electric whisk at a low speed, but make sure you don't whip the mixture too much). Add some egg yolk and some flour and mix together. Continue to do this until you have used up all the ingredients, adding a little bit of egg and a little bit of flour each time. In the end you will obtain a creamy like mixture. Grease and flour a baking tray. Using a piping bag with a ridged nozzle, pipe out little biscuits, placing them one next to another so as to form a three-leaf clover shape. Place a chocolate in the center of each biscuit. Leave them in the tray and allow them to rest in the fridge for about an hour. Bake them at 180 degrees C (355 F) until they start to change color slightly (this should take about 10-12 minutes). When they have cooled, remove them from the tray and.... enjoy!

Köfte kebabi (polpette allo spiedo)

Cucinato da Barbara
Il nome di köfte kebabi non deve trarre in inganno e far confondere con lo shawarma, piatto mediorientale a base di carne noto in Turchia come döner kebabi cioè "spiedo che gira".
Diffusissima in Medio Oriente con il semplice nome kebab, la pietanza ha riscosso un successo eccezionale anche in tutto l'Occidente, divenendo un cibo da strada di largo consumo: i köfte (polpette) sono così comuni in Turchia che ne esistono più o meno 300 varianti: a base di carne, legumi o, più raramente di pesce, possono essere fritti, al forno o grigliati. Tra i più tipici ci sono i köfte kebabi, chiamati anche köfteli kebab o shish köfte "spiedi di polpette": l'impasto, modellato a forma allungata, viene infilato su spiedi di legno o metallo, per essere grigliato o rosolato in padella!



Per realizzare questa deliziosa ricetta tratta dal mensile Sale & Pepe di agosto 2013, vi occorreranno: 800g di polpa d'agnello macinata (spalla o coscia), 1 grossa cipolla, 1 ciuffo di coriandolo (o prezzemolo), 1 ciuffo di menta fresca, 1 spicchio di aglio, 1/2 cucchiaino di peperoncino in polvere, sale e pepe.

Per la salsa d'accompagnamento servono invece 250g di yogurt intero tipo greco, 1 spicchio d'aglio fresco, 1 cucchiaio di succo di limone, 1 ciuffo di menta fresca, olio extravergine, sale e pepe

Se non usate spiedi classici da kabab, in acciaio e piatti, mettete a bagno 16 spiedini di legno lunghi, così non bruceranno.

Preparare la salsa: frullate l'aglio e riducetelo in purea, mescolatelo allo yogurt con 1 pizzico abbondante di sale e pepe bianco, il succo di limone ed 1 cucchiaio di menta fresca tritata. Coprite con olio e poi con pellicola e tenete al fresco.

Fate l'impasto: spellate e tritate la cipolla con l'aglio, poi a parte il coriandolo insieme alla menta. Riunite in una ciotola la carne macinata, il trito di coriandolo e menta, la cipolla con l'aglio ed il peperoncino.

La ricetta originale prevede anche l'uso di 1/2 cucchiaino di cannella, 1/2 di cumino e 1/2 di cardamomo, che io ho omesso: se vi piacciono, è questo il momento di aggiungerle!

Regolate di sale e pepe e, con le mani leggermente unte, lavorate il tutto fino ad amalgamarlo. Formate con il composto 8 polpette allungate e infilzate ciascuna, nel senso della lunghezza, su uno spiedo da kebab (oppure 2 spiedini di legno, uno accanto all'altro). Compattate le polpette rollando il palmo della mano. Mettete i köfte sulla griglia calda e cuoceteli per circa 5-8 minuti, girandoli ogni tanto. In alternativa, rosolate in poco olio in una padella antiaderente, girandoli spesso, fino a che saranno dorati.

Spolverizzate i köfte caldi con menta fresca tritata e serviteli con la salsa allo yogurt.

Ricetta economica: Teglia di patate, cipolle e pomodori or Cheap Recipe: Baked Onions, Potatoes And Tomatoes

Cucinato da Barbara
Now that the temperatures have gone down, we can go back to turning on the oven. Even if it is still warm, put the food inside, close the door and leave the heat behind you.

Ora che le temperature si sono abbassate, si può tornare ad accendere il forno: anche se facesse ancora caldo, una volta messo il timer con le pietanze al loro interno, chiudo la porta della cucina, lasciandomi il caldo... alle spalle!
To make this delicious and cheap dish you need the following: 4 medium-sized potatoes, 6 red onions, 4 tomatoes, 60 g (2.1 oz) of grated pecorino cheese, 50 g (1.8 oz) of bread crumbs, dried oregano, extra-virgin olive oil, salt and pepper
Per realizzare questa deliziosa ed economica teglia vi occorreranno 4 patate medie, 6 cipolle rosse di Tropea, 4 pomodori, 60g di pecorino grattugiato, 50g di pangrattato, origano secco, olio extravergine d'oliva, sale e pepe.


Preparation: Peel the potatoes and onions and chop them into 1/2 cm (1/4 inch) thick slices. Do the same with the tomatoes. Grease a oven dish and layer the vegetables, alternating pecorino, bread crumbs, oregano, salt and pepper. Top it off with the tomatoes. Cook it in the over for 40 minutes at 180°C (355 F) and serve, either warm or cold!
Pelate le patate e le cipolle e tagliatele a fette di 1/2 cm di spessore. Altrettanto fate con i pomodori. Oleate una pirofila e sistematevi le verdure a strati, alternandole a pecorino, pangrattato, origano, sale e pepe, terminando con i pomodori. Infornate per 40' a 180°C e servite, tiepido o freddo!

Menù brasiliano da Toro Seduto

Cucinato da Barbara





Non conoscevo la cucina brasiliana, quindi quando ho visto il deal di Groupon sul menù brasiliano alla Churrascaria Toro Seduto  a Roma non ho resistito ed ho prenotato! L'offerta è attiva fino al 15 ottobre, siete ancora in tempo ad acquistarla se lo desiderate!

La prenotazione era per una cena brasiliana per due persone e prevedeva una buonissima caipirinha di benvenuto (peccato servita in bicchieri di plastica) che ci è stata servita da un gentilissimo cameriere che ci ha accompagnato al nostro tavolo. A seguire... un buffet no stop.

Avete capito bene, sulla tavola tante diverse portate dalle quali potevamo servirci liberamente: c'era la feijoada (riso con fagioli neri carne e salsiccia), vinagrette, riso farofa, mandioca frita, frittate miste, salada de majonese, sao picao, platano fritto, kibe (fagottino di carne), polpettine di carne e tanto tanto altro ancora.





Se ancora non fossimo stati sazi ci aspettava, ogni due persone 1 kg di churrasco.

Il churrasco è un piatto tipico brasiliano, a base di carne; nel nostro caso ci è stato portato in tavola un piatto con diversi tagli: entrecote,  salsiccia di pollo speziata, salsiccia di manzo, ali di pollo, involtini di pollo con bacon, il tutto annaffiato da un calice di Merlot e da acqua minerale. La carne viene servita al tavolo già tagliata in unico piatto che abbiamo poi diviso in due.

Ciao Toro Seduto, torneremo sicuramente a trovarti, soprattutto se metterai dei tavolini un poco più grandi, che consentirebbero una maggiore comodità durante la cena!


I was not familiar with Brazilian food, so when I saw the Groupon deal for the Brazilian menu at the Toro Seduto (Sitting Bull) Churrascaria, I just couldn't resist and I booked a table! The offer is valid until October 15th, therefore, if you are interested, you still have time!


The reservation was for a Brazilian dinner for two people and it included an excellent welcome caipirinha (it's a shame that it was served in plastic cups) served by a very courteous waiter who escorted us to our table. That was followed by... an endless buffet.
You heard me right - such a variety of dishes from which we could liberally take: there was the feijoada (rice with black beans, meat and sausage), vinaigrette, farofa rice, fried cassava, a variety of omelets, salada de majonese, sao picao (chicken salad), fried plantains, kibe (meat roll), meat balls and much, much more.


If we hadn't been so full, we could have expected a total of 1 kg. (2 lbs. 3.5 oz.) of churrasco per person.
Churrusco is a typically Brasilian meal of skewered meats prepared over a barbecue grill; in our case, we were brought a plate with various cuts: rib steak, spicy chicken sausage, beef sausage, chicken wings, chicken wrapped in bacon.. Everything was accompanied by a glass of Merlot and mineral water. The meats were served at the table already sliced and placed in a platter which the two of us shared.


Goodbye, Toro Seduto, we will definitely return, especially if you replace your tables with slightly larger ones, allowing for a more comfortable dining experience!

Toro Seduto Churrascaria

Address: Via Lidia, 40, 00179 Rome, Italy
Phone: +39 06 7814 7898


Cottura sottovuoto: arrosto freddo di lonza di maiale or Vacuum Cooking: Cold Pork Loin Roast

Cucinato da Barbara
A juicy roast is perfect for slicing up and making sandwiches to bring to the beach or on a picnic. It's also great for a casual dinner!
Un arrosto succoso, perfetto da mettere nei panini e portare sulla spiaggia o per un picnic, ma anche per una cena fredda!



Cold Pork Loin Roast

Ingredients: 800 gr. (1 lb. 12 oz.) of pork loin, 8 cherry tomatoes,1/2 red pepper,1/2 yellow pepper,1 bunch of rocket lettuce, 4 to 6 radishes, 1/2 red onion, basil, 2 to 3 cloves of fresh garlic, 1 twig of rosemary, 1 heaping tsp. of sweet smoked paprika, extra virgin olive oil, coarse salt, pepper

Vi occorreranno 800g di lonza di maiale, 8 pomodorini, 1/2 peperone rosso, 1/2 peperone giallo, 1 mazzetto di rucola, 4-6 ravanelli, 1/2 cipolla rossa, 2 rametti di basilico, 2-3 spicchi di aglio fresco, 1 rametto di rosmarino, 1 cucchiaino colmo di paprica dolce affumicata, olio extravergine d'oliva, sale grosso, pepe.

Preparation: Chop the rosemary needles and grind them in a mortar with the garlic, a pinch of coarse salt, the paprika and some freshly cracked pepper. Butterfly the pork loin and sprinkle with the aromatic mixture of herbs on the internal surface, rubbing it into the meat. Roll up the butterflied pork loin and use twine to tie it up. Sear the loin on all sides in a pan with oil. Season it and allow it to cool. Next place it in a plastic bag for cooking; use the vacuum appliance to vacuum seal it (just place the bag under the space bar and turn it on: the Grandispensa vacuum appliance will remove all the air from the bag and seal it perfectly!). Proceed with baking the roast at 90°C (190°F) for an hour and 40 minutes. Allow it to cool, then cut a corner of the bag and let the roast cool completely under a weight for 12 hours, placing it on a plate for the juices that may be released. Prepare a salad with crunchy vegetables like peppers, cherry tomatoes, onions and radishes.Season with a pinch of salt, drizzle with some oil, and finally add the rocket lettuce and the basil leaves. Serve the roast (cut into thin slices) with the salad.

Tritate gli aghi di rosmarino e pestateli con l'aglio, un pizzico di sale grosso, la paprica ed una macinata di pepe. Aprite la carne a libro e distribuite il composto aromatico sulla superficie interna massaggiando per farlo penetrare.
Richiudete la carne, legatela stretta e rosolate in padella con un filo d'olio su tutti i lati. Salatela e lasciatela intiepidire. Mettetela poi in un sacchetto adatto alla cottura e passatela sottovuoto (basta posizionare il sacchetto sotto la barra spaziatrice e premere: la Grandispensa aspira l'aria dal sacchetto e poi lo salda perfettamente!).
Macchina per il sottovuoto Elegen Grandispensa
Proseguite quindi la cottura in forno a 90°C per un'ora e 40 minuti. Lasciate intiepidire poi tagliate un angolo del sacchetto e lasciate raffreddare la carne sotto un peso per 12h, avendo cura di posizionarla su di un piatto per raccoglierne i succhi che dovessero eventualmente uscire.
Preparate una insalata di verdure croccanti con i peperoni, i pomodorini, la cipolla ed i ravanelli.
Conditela con un pizzico di sale, un filo d'olio e aggiungete all'ultimo la rucola e le foglie di basilico. Servite l'arrosto a fette sottili con l'insalata.

Ricetta veloce di pasta ai peperoni or Speedy Pepper Pasta

Cucinato da Barbara
This recipe is so fast and simple that I almost feel ashamed to publish it! However, my excuse is that it's really yummy and very summery. Give it a try and let me know!

La ricetta è talmente veloce e semplice che quasi mi vergogno di pubblicarla! A mia "discolpa" devo però ammettere che è davvero buona, racchiude tutti i sapori dell'estate, provatela e sappiatemi dire!


Ingredients: 1 pepper for each serving, a handful of basil, salt, fresh spring onions,extra-virgin olive oil (the best choice is a DOP extravirgin olive oil such as that from Bioitalia), 80 g (3 oz) of pasta of your choice (I chose Bioitalia's linguine made with organic durum wheat flour)
Preparation: clean and roughly chop the peppers, put them in a frying pan with salt, oil and spring onions, and let it brown. During cooking, add some water and salt if needed. Let the peppers cool a little and put them in the mixer with plenty of basil. Blend and add this yummy sauce to your favorite type of pasta!
Vi occorreranno 1 peperone a persona, abbondante basilico, sale, cipollotto fresco, olio extravergine d'oliva ed 80g del formato di pasta che preferite.

Pulire e tagliare i peperoni grossolanamente, metterli in una padella con sale, olio, cipollotto, far rosolare.  Durante la cottura se occorre, versare dell'acqua e salare.

Mettete i peperoni leggermente intiepiditi nel boccale del mixer o del frullatore  (io ho utilizzato il frullatore ad immersione frullatore 3 in 1 Desire della Russell Hobbs), insieme ad abbondante basilico. Frullate e condite con questa invitante salsina il vostro formato di pasta preferito!

Ristopizzeria O' Scarpariello a Fisciano

Cucinato da Barbara
Ieri sera siamo stati a cena nel Ristopizzeria O' Scarpariello a Fisciano usufruendo di un deal Groupon particolarmente vantaggioso (per due persone pranzo o cena con antipasto, primo e secondo a scelta e dolce meno di trenta euro!) e prenotando qualche giorno prima tramite l'interfaccia MyTable.In mattinata è arrivato per mail il promemoria, da parte di MyTable, per ricordarci dell'avvenuta prenotazione per la sera del deal di Groupon. 

Il locale è facilmente raggiungibile, con insegne bene in vista ed è confortevole ed accogliente con un design moderno ed elegante dove i clienti si sentono a proprio agio.


Viene proposta una cucina tradizionale campana, che combina l’esperienza dello chef con l'utilizzo di prodotti freschissimi e di prima scelta.

Quando siamo arrivati c'era già un gruppo di quattro persone e, una volta avvisato che avevamo un coupon di Groupon, siamo stati accompagnati da un gentilissimo cameriere che ci ha fatto scegliere il tavolo e che ci ha subito servito uno spumante Brachetto di benvenuto.

Ci è stato poi portato l'antipasto, che ho trovato semplicemente delizioso. Era composto da tanti piccoli assaggi, c'erano le seppioline, con patate e piselli; ciuffetti di calamari con cipolla; un polipo all'insalata con patate; frittelle d’alga e varie bruschette al sapore di mare.



 








Come primo piatto abbiamo scelto paccheri al ragù di mare e caserecce con pomodori, rucola e gamberetti, accompagnati da un calice di fresco vino bianco Falanghina a persona ed una bottiglia d'acqua minerale, mentre come secondo abbiamo optato entrambi per un "cuoppo" una frittura di gamberi e calamari.

Per dolce avremmo potuto scegliere tra scomposta con crema chantilly, tiramisù, torta al cocco e nutella, ma abbiamo entrambi optato per una fresca fetta d'anguria, seguita da un buon limoncello.

Ciao O' Scarpariello, torneremo sicuramente a trovarti, sperando che un po' di rodaggio faccia accorciare i lunghissimi tempi di attesa della serata!



Insalata di caroselli or Cucumbers + Melons = Cocuminis: Try Them in a Salad!

Cucinato da Barbara
Don't worry: Today on my table you won't be seeing the old advertisements that were shown as children went beddy-bye, but rather a selection of cucurbitaceae or gourds obtained from the crossbreeding of cucumbers and melons, which give life to a new variety of vegetables called "cucumis".

Tranquilli: sulla mia tavola oggi non ci saranno delle vecchie pubblicità dopo le quali i bimbi vanno a nanna, ma piuttosto una selezione di cucurbitacee ottenute incrociando cultivar di cetrioli e meloni e dando vita, appunto, a diverse varietà cui è stato posto il nome di "caroselli poliselli".



I will not be providing exact measurements for this refreshing salad; the number of vegetables you use will depend on the number of people taking part in the meal and how strong your vegetable craving is!
Carosello* Cucumber Salad with Cucumis
Ingredients: cucumis (they can be substituted with other cucumbers in case you are unable to find them in stores), plum tomatoes or San Marzano, onions (either Tropea onions, sweet red onion from Tropea in the Italian region of Calabria or red onions), salt and pepper, plain yogurt, extra virgin olive oil, basil
Preparation: cut the vegetables into slices and arrange them on a plate in a circular pattern, alternating them. Prepare the dressing by combining equal amounts of yogurt, oil and seasoning with salt and pepper. Pour the dressing on the vegetables and garnish with a few leaves of basil to complete the dish; serve! Did you know about cucumis? 
*Note: Carosello was an Italian TV program that aired from 1957 to 1977 every evening for ten minutes; since the law at the time prohibited commercials during regular programming, Carosello showed a series of advertisements under the guise of short, sketch comedy films using live action, animation and puppetry. It was customary that the end of the program meant bedtime for all Italian children.

Per realizzare questa fresca insalata non vi do' dosi (dipendono dal numero dei commensali e da quanta voglia di verdure avete!), ma piuttosto gli ingredienti: oltre ai caroselli poliselli, che potete sostituire nel caso non li troviate con altri cetrioli, vi occorrono pomodori perini o San Marzano, cipolla di Tropea o cipolla rossa, sale e pepe, yogurt intero ed olio extravergine d'oliva, basilico.

Tagliate a fettine le verdure e disponetele a ruota in un piatto, alternandole.

Preparate quindi una salsina, mescolando eguale quantità di yogurt ed olio ed aggiungendo sale e pepe.

Condite le verdure con l'emulsione e completate con qualche fogliolina di basilico: pronti in tavola!

E voi li conoscevate i cetrioli caroselli?

Ricetta veloce: insalata di mare or Seafood Salad: A Quick Meal

Cucinato da Barbara
A late summer dish par excellence because it is fresh, light and tasty, the seafood salad I propose here can be used as an appetizer or as a main course, depending on the quantity. Perfect both for formal occasions and for a quick lunch, it is simple to make, especially if the shellfish is purchased already cleaned from your favorite fishmonger!
Piatto estivo per eccellenza perché fresco, leggero e saporito, l'insalata di mare che vi propongo può essere utilizzata come antipasto oppure come secondo piatto, a seconda della quantità. Perfetto sia per occasioni formali che per un pranzo veloce, è semplice da realizzare, soprattutto se acquistate i molluschi già puliti dalla vostra pescheria di fiducia!


Seafood Salad
Ingredients: 1 kg. (2 lbs. 3.5 oz.) of octopus,300 gr. (10.5 oz.) of shrimp,1 head of Belgian endive,1 stalk of white celery, chopped parsley, salt, oil, lemon juice
Preparation: cook the shrimp in lightly salted boiling water for 2 to 3 minutes and then peel them. Cook the octopus in cold, unsalted water, once the water begins to boil, cook the octopus for 30 minutes. Turn off the heat and let the octopus cool in the cooking water for 30 minutes. Slice the Belgian endive and the celery stalk. Cut the octopus and add it to the Belgian endive, the celery and the shrimp; next, add the chopped parsley and season with salt, the lemon juice and the extra virgin olive oil.

Per realizzare questa insalata di mare vi occorreranno  un kg di piovra, 300g gamberi, 1 cespo di indivia belga, 1 costa di sedano bianco, prezzemolo tritato, sale, olio, succo di limone

Cuocere in acqua bollente poco salata per 2-3' e sgusciare i gamberi.
Cuocere la piovra mettendola in acqua fredda non salata e calcolare dal bollore 30 minuti di cottura.

Spegnere e lasciare intiepidire nel brodo di cottura per ulteriori 30 minuti.

Tagliare il cespo d'indivia belga in falde, come pure la costa di sedano. Tagliare la piovra ed unirla all'indivia belga, al sedano, ai gamberi; unire anche il prezzemolo finemente tritato, condire con poco sale, succo di limone ed olio extravergine d'oliva.

Ricetta dolce estivo: Tortine ai lamponi or Raspberry Mini Pies

Cucinato da Barbara
A wonderful dessert or even a delicious afternoon snack, so very rich in fruit!

Un dessert delizioso, ma anche una golosa merenda, ricchissima di frutta!


Tortine ai lamponi (dose per 10 tortine)
220g di lamponi, 120g di farina, 120g di burro, 2 uova, 180g di zucchero, 8g di lievito vanigliato in polvere, 1/2 arancia, un pizzico di sale


Raspberry Mini-Pies Ingredients for 10 mini-pies:
220 gr. (8 oz.) of raspberries, 120 gr. (1 cup) of flour, 120 gr. (1 stick) of butter, 2 eggs, 180 gr. (1 cup) of sugar, 1 tsp. of vanilla-flavored baking powder, 1/2 orange,a pinch of salt

Spremete il succo dell'arancia: raccoglietene 2 cucchiai in una casseruola insieme a 100g di zucchero e 20g di burro e cuocete la salsa su fiamma bassissima fino a che lo zucchero si è sciolto. Spegnete, unite i lamponi e mescolate. Montate a crema il burro con lo zucchero rimasti, unite un uovo e alcune cucchiaiate di farina setacciata con il lievito ed un pizzico di sale. Mescolate e ripetete fino ad esaurire le uova e la farina. Versate sul fondo di alcuni stampini per muffins in silicone i lamponi con il loro liquido di cottura. Versate l'impasto sopra i lamponi e cuocete in forno caldo a 160°C per 20-25': verificate la cottura inserendo al centro uno stecco di legno che deve uscire asciutto. Lasciate intiepidire i tortini poi staccateli dal bordo dello stampo e rovesciateli. Serviteli tiepidi o freddi, se lo gradite accompagnando con gelato alla crema.

Preparation
Squeeze the orange for its juice: place 2 tablespoons of the juice in a saucepan with 100 gr. (1/2 cup) of the sugar and 1 1/2 tablespoon of butter; cook the sauce on very low heat until the sugar has dissolved. Turn off the heat, add the raspberries and stir well. Whip the remaining butter and sugar together, add one of the eggs and a few tablespoons of flour sifted with the baking powder and a pinch of salt. Stir and continue to add the other egg and the flour until it has all been incorporated. Place the raspberries with the cooking liquid in silicone muffin tins. Next add some of the batter on top of the raspberries in the muffin tins. Bake in a preheated oven at 160°C (320°F) for 20-25 minutes, use the toothpick test to verify that the pies are done. Let the mini-pies cool then remove them from the tins and turn them over. Serve warm or cold and if it is to your liking the pies can also be served with ice cream.

Ricetta estiva: Insalata pantesca agli sgombri

Cucinato da Barbara
Ancora la rivista Sale e Pepe per una ricetta perfetta con questo caldo!


Per quattro persone vi occorreranno 4 patate a pasta gialla piuttosto grandi, 12 pomodorini, 20 olive nere denocciolate, 100g di capperi di Pantelleria dissalati, 2 cipollotti rossi, origano secco, 2 sgombri, 1 spicchio di aglio, olio extravergine d'oliva, sale, pepe in grani.

Cuocete le patate con la buccia, lasciatele intiepidire, sbucciatele e tagliatele a pezzi.
Cuocete anche gli sgombri in acqua bollente salata, aggiungendo anche l'aglio e qualche granello di pepe sgocciateli e sfilettateli.
Riunite in un recipiente le patate, i cipollotti affettati sottilmente, i pomodorini a spicchietti, le olive ed i capperi. Condite con olio, pepe, sale ed un generoso pizzico di origano e mescolate bene: unite infine lo sgombro a filettini e mescolate ancora delicatamente.

Succo di pomodoro al peperoncino or Spicy Tomato Juice

Cucinato da Barbara
Refreshing, invigorating and deliciously spicy: what more could you want from a vegetable juice?

Fresco, corroborante e deliziosamente piccante: cosa si può volere di più da un centrifugato di verdura?


Spicy tomato juice Yield: one glass
Ingredients: 1/2 lime, 2 large tomatoes, 1 fresh chili pepper, minus the seeds, 1 small red onion
Preparation: Cut a slice of lime and set it aside for the final garnish. Place the tomatoes, chili pepper, onion, and the rest of the lime in the juicer (I use the wonderful Oscar juicer, which you can find with a variety of juice extractors and manuals on the Eujuicers website). Pour the juice into a glass, garnish with the slice of lime, and serve!

Per realizzare uno di questi centrifugati vi occorrerà mezzo lime, 2 pomodori grandi, 1 peperoncino fresco privato dei semi, 1 piccola cipolla rossa.

Tagliate una fettina dal lime e tenetela da parte per la guarnizione.

Centrifugate nella centrifuga (il mio è il meraviglioso Oscar che trovate, insieme ad una vasta gamma di estrattori e manuali in italiano, nel sito Eujuicers) i pomodori con il peperoncino, la cipolla ed il lime rimasto. Versate il centrifugato in un bicchiere, guarnite con la fettina di lime e servite!

La cottura sottovuoto: branzino all'acqua pazza or "Crazy Water" Sea Bass

Cucinato da Barbara
The term "acqua pazza" is Italian for "crazy water". It means poaching fish in water with garlic, olive oil, parsley, and tomato. Vacuum cooking is a cooking method that has been used for years: foods are put into jars, which are then cooked for a long time in hot water. The hot water creates a vacuum inside the jar, which allows the food to be stored for a long time. Vegetables and meats that are canned are similar to vacuum cooked foods: after being packaged they undergo a thermal treatment that sterilizes the product.

La cottura sottovuoto è utilizzata in cucina da moltissimo tempo: già da molti anni si conservano dei prodotti alimentari in vasetti che poi vengono cotti a lungo in acqua calda per creare un vuoto all'interno, in modo da poterli conservare più tempo. Allo stesso modo si avvicinano molto alla cottura sottovuoto le verdure o la carne in scatola che, dopo essere state confezionate in barattolo, subiscono un trattamento termico che sterilizza il prodotto.

Macchina per il sottovuoto Elegen Grandispensa
L'azione di chiudere in un contenitore ermetico un alimento, per proteggerlo da una contaminazione batterica esterna e uilizzare il calore per distruggere i batteri presenti all'interno è il processo più utilizzato per conservare un alimento senza intaccare il sapore o la consistenza originaria con condimenti o conservanti o con processi di disidratazione o affumicatura.
 
Storing food in a hermetically sealed container protects it from external bacterial contamination and uses heat to destroy the bacteria. This is the best process for storing food without affecting its taste or original consistency and without using preservatives, dehydration, or a smoking procedure. Vacuum packaging before cooking isolates the food from the external environment and extracts as much of the oxygen in the package as possible; the subsequent process of heating the food in the vacuum package creates a condition of pasteurization inside the package, which destroys most of the germs present. There is no contact between the food and the method of cooking; the food does not dry out and it does not absorb liquids or fat: the ingredients combine well among themselves without losing their individual flavors, and the water contained in the food does not evaporate (like with meat that is cooked too long). All in all, the loss of moisture is significantly less than that of traditional cooking methods.
Il confezionamento sottovuoto prima della cottura permette di isolare l'alimento dall'ambiente esterno e di estrarre quanto più ossigeno possibile dalla confezione; la successiva cottura crea all'interno del sacchetto una condizione di pastorizzazione che permette di distruggere gran parte dei germi presenti e, non essendoci contatto fra alimento e mezzo di cottura, l'alimento non si asciuga e non assorbe liquidi o grassi: gli ingredienti si mescolano bene fra loro, senza però perdere il proprio sapore; l'acqua non si separa dall'alimento come nelle carni cotte troppo e comunque la perdita di liquidi è di gran lunga minore rispetto alle cotture tradizionali.
Fondamentale per la riuscita di questa cottura è avere un'ottima macchina per il sottovuoto, la mia è la Grandispensa della Elegen, macchina per il sottovuoto alimentare totalmente in alluminio, realizzata con una tecnologia mai applicata prima nel settore del sottovuoto, che ne garantisce presta-zioni tecniche e funzionali all’avan-guardia, caratteristiche che la collocano nella fascia alta di gamma del settore sottovuoto alimentare, con un eccellente rapporto qualità prezzo. 

An excellent vacuum is fundamental for the success of this method. I use the Elegen Grandispensa, which is a vacuum for packaging food. It is made entirely of aluminum and created with a type of technology that has never before been applied to vacuum packaging. This technology includes functional state-of-the-art features and characteristics that place it in the top range of vacuum products. It also has an excellent price-quality ratio.

Realizzare con questo apparecchio il Branzino all'acqua pazza è estremamente semplice e consente, tra le altre cose, di non dover lavare pentole o padelle, visto che la cottura sottovuoto... non sporca! Mettere in un sacchetto adatto alla cottura il branzino eviscerato e ben pulito, salare, aggiungere pomodorini tagliati a metà o in quarti, anelli di cipolla rossa,  prezzemolo, sedano e sigillare, dopo aver fatto uscire l'aria con la Grandispensa Elegen (basta posizionare il sacchetto sotto la barra spaziatrice e premere: la Grandispensa aspira l'aria dal sacchetto e poi lo salda perfettamente!). Mettete il sacchetto in acqua bollente e calcolate, dalla ripresa dell'ebollizione, venti minuti di cottura (il mio branzino pesava all'origine 800g, aumentate o diminuite il tempo a seconda del peso). Tirate fuori il sacchetto dall'acqua, lasciatelo intiepidire prima di aprirlo: pulite il pesce, conditelo con un ottimo olio extravergine d'oliva monocultivar Taggiasca Roi e portatelo in tavola! 


Using this appliance to prepare sea bass all'acqua pazza makes the entire procedure extremely easy. Further, there won't be any pots or pans to wash, since vacuum cooking... doesn't dirty anything!
Place the sea bass, which has been well gutted and cleaned, into a bag suitable for cooking and season it with salt; add cherry tomatoes cut in halves or in quarters, red onion cut into rings, parsley, and celery. Seal the bag after having removed all the air with the Elegen Grandispensa vacuum.
Place the vacuum-packaged sea bass into boiling water and cook for 20 minutes once the water starts to boil again. My sea bass originally weighed 800 gr. (1 lb. 12 oz.) so you should increase or decrease the cooking time according to the weight of the fish you use. Remove the package from the water and set it aside to cool slightly before opening it. Prepare the fish to be plated: drizzle with some excellent extra virgin olive oil and serve!

.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Pubblicità

Qui