Marmellata di peperoncini

Cucinato da Barbara


Marmellata di peperoncini
1kg di peperoncini rossi tondi (il peso è da intendere al netto di semi, dopo averli aperti, totalmente puliti e spezzettati grossolanamente) 600g zucchero 1/2 bicchiere di acqua

Far bollire tutti gli ingredienti per 20 minuti in pentola coperta e quindi frullare. Rimettere in pentola e fare bollire a fuoco molto basso ancora per 15 minuti circa. Sistemare nei vasetti ancora calda. E' ottima accompagnata ai formaggi e io la uso soprattutto per tartine con formaggio fresco perchè e' di un bel rosso vivo e quindi molto coreografica. Una cosa da tenere presente se la volete più piccante basta che lasciate un po' di semi dei peperoncini.

Peperoncini sott'olio ripieni

Cucinato da Barbara

Peperoncini sott'olio ripieni
30 peperoncini tondi 1 litro aceto bianco 450g tonno sott'olio sgocciolato capperi sotto sale olio extravergine d'oliva
Pulire i peperoncini privandoli della calotta, dei semi e dei filamenti interni (ATTENZIONE: usare dei guanti!).
Metterli, pochi alla volta, in aceto in ebollizione, lasciandoli sobbollire per 2'.
Scolarli e farli asciugare per 12-24h.
Dissalare i capperi senza utilizzare l'acqua, ma togliendo pazientemente i granelli di sale.
Tritare il tonno al coltello, non utilizzare mixer o frullatore perchè incorpora aria.
Riempire i peperoncini con il trito di tonno, inserire un cappero ed invasare.
Riempire con l'olio e conservare al buio

Una sacher nel bicchiere...

Cucinato da Barbara
Sacherglass


1) Mousse 200g fondente – 200g panna – 4 uova – 2 tazzine caffè ristretto zucchero sale
2) Gelatina 400g confettura albicocche – 4 fogli colla pesce
3) Glassa 200g fondente – 150 g zucchero


1) MOUSSE montare parzialmente la panna; montare gli albumi a neve; sciogliere a bagnomaria il cioccolato con il caffè; lasciatelo raffreddare, montare i tuorli con 4 cucchiai di zucchero, unite il cioccolato fuso, gli albumi a neve con sale, versate il composto nella panna parzialmente montata. Distribuire in 12 coppe e mettere in frigo
2) GELATINA Aggiungere alla confettura la colla di pesce già ammorbidita e sciolta a caldo in 1 bicchiere di acqua, frullare e versare un velo di gelatina sulla mousse.
3) GLASSA Portare a bollore 250g di acqua, lo zucchero e il cioccolato mescolando sul fuoco fino a che si addensa. Versare sopra la gelatina. Tenere in frigo fino a 30’ prima di portare in tavola, decorando con un filo di panna fresca o di cioccolato bianco fuso.

Il trionfo delle fragole

Cucinato da Barbara
A Nemi, la prima domenica di Giugno, si svolge dal 1922 la Sagra delle fragole, proseguendo la tradizione della festa che, in piazza di Campo de Fiori a Roma, in concomitanza con la festa di Sant’Antonio il 13 Giugno, le raccoglitrici di fragole dei Castelli Romani organizzavano, nota con il nome di Trionfo delle fragole.

Al centro della piazza, proprio dove anticamente era una piccola fontana e dal 1888 sorge il monumento dedicato al filosofo Giordano Bruno, veniva allestito un enorme baldacchino con sopra un canestro del diametro di oltre due metri, sul quale venivano disposti centinaia di cestini contenenti fragole ed una statuetta del Santo.

Una volta allestito il tutto, l’enorme canestro veniva sollevato e portato in corteo, da decine di giovani, per le vie del centro di Roma. Lungo il percorso i cestini di fragole venivano regalati ai passanti dalle “fragolare” - il cui costume tradizionale era costituito da una gonna rossa, il bustino nero sopra una camicetta bianca e la “mandruccella” il testa - le quali intonavano uno stornello in onore delle fragole e del Santo:

Salutamo cor fischietto
Sant’Antonio benedetto
Trullallero trullallà
Tutti quanti a sfravola’..

Questa notizia e tante leggende, anche sulle fragole, potrete trovarle sul bel sito CIVIS ROMANUS SUM, "Storie e curiosità, più o meno svelate, della città di Roma".

E come utilizzare queste profumatissime delizie, se non con una coreografica...

Mousseline di cioccolato bianco con fragole


Per la mousseline: 500g di latte intero, 2 tuorli, 1 uovo, 75g zucchero, 60g amido di mais,
250g cioccolato bianco tritato, 150g burro morbido.
Per l'inserto alle fragole: 600g fragole, 125g zucchero, 15g colla di pesce
Per la salsa alle fragole: fragole, liquore all'arancia, zucchero, mentuccia
Preparare l’inserto alle fragole: ammollare in acqua fredda la colla di pesce; frullare e setacciare la polpa di fragole, portarne la metà a bollore e sciogliervi la colla di pesce strizzata, aggiungere lo zucchero e la rimanente polpa e mettere il composto in uno stampo ricoperto di pellicola per alimenti; passarlo in frigo per almeno quattro ore.
Preparare la mousseline: portare il latte a bollore. Amalgamare i tuorli con l’uovo, lo zucchero e l’amido; versarvi sopra ¼ del latte bollente, poi portare sul fuoco unendo il resto del latte e far cuocere come una crema pasticcera. Togliere dal fuoco, aggiungere il cioccolato bianco e far raffreddare; montare il burro a spuma ed incorporarlo alla crema.
Togliere l'inserto di gelatina alle fragole dalla stampo e adagiarla su di un tagliere pellicolato, rifilare i bordi in modo da ridurne le dimensioni.
Foderare uno stampo della capacità di 1,5 litri e mettervi uno strato di mousseline, la gelatina e coprire con il resto della mousseline. Battere lo stampo sul tavolo per togliere eventuale aria e passare in congelatore per un’ora, poi altre due in frigorifero.
Servire con fragole tagliate a dadini macerate in poco liquore all’arancia, zucchero e foglioline di menta.

.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...